CERVETERI

270911_498053453575446_2000985635_n

La chiesa della S.S. Trinità si trova nel centro abitato di Cerveteri, in Via Fontana Morella. E’ una chiesa di recentissima costruzione, la sua nuova sede si trova nello stesso luogo ove sorgeva la prima; la consacrazione è avvenuta il 1º luglio 2012. La progettazione della Nuova Chiesa e del Complesso Parrocchiale della S.S. Trinità costituisce una opportunità singolare di esprimere e celebrare il carattere “fontale” della liturgia nella vita della Chiesa e del Cristiano. La forma e la grandezza del sito ed i requisiti richiesti dalla Conferenza Episcopale Italiana circa il dimensionamento dell’intero edificio, rendono il Complesso Parrocchiale una composizione compatta, ma articolata.  I temi della progettazione sono due: il cerchio ed il quadrato. Il cerchio, presente nella copertura a volta dell’aula liturgica, nella forma absidale della cappella feriale e nel Battistero, come pure negli altri elementi costitutivi dell’architettura interna, simboleggia la perfezione e la volta celeste. Il modulo costruttivo si basa sulla geometria del quadrato che simboleggia la terra, i quattro elementi della natura e l’intelletto razionale.  Il Sagrato, che rappresenta lo spazio dedicato all’ingresso dell’Aula Liturgica, è volutamente organizzato su due livelli: quello alto, realizzato in pietra nobile, assume una forma circolare; quello basso è realizzato in umili mattoni di pietra che permettono la transizione e l’adattamento dal cerchio alla geometria del sito.  La forma circolare del Sagrato Alto scava nella facciata per creare il Portico che simbolicamente custodisce la Porta, altro simbolo importante. Una volta entrato nell’Aula Liturgica l’attenzione del fedele è attirata dalla qualità della luce che penetraSantissima Trinità al suo interno riempiendo lo spazio e marcando il tempo sulle sue superfici. La luce indiretta attraversa il Loggiato, che funzione anche da Brei Solaire, permettendo anche l’illuminazione delle scene della Via Crucis raffigurate con vetro artistico sulla grande vetrata dell’Aula Liturgica.  Il Loggiato è stato anche progettato per proteggere il percorso dei fedeli nel loro cammino verso la Cappella Feriale, che si colloca sulla parte ovest del complesso.  La Cappella Feriale si manifesta simbolicamente come l’Abside sulla facciata ovest, evocando una precisa immagine proveniente dalla nostra memoria storica.  All’interno della Cappella Feriale sul lato opposto, si trova una parete mobile che è stata scelta in modo da permettere la trasformazione degli spazi liturgici. In questo modo è possibile unire la Cappella Feriale con il Presbiterio dell’Aula Liturgica per i festeggiamenti liturgici.  Di notevole pregio è il soffitto dell’Aula Liturgica, appositamente studiato per riverberare la sinuosità del cerchio che è presente sia in pianta che in sezione. L’ordinamento e lo sviluppo della struttura dell’Aula Liturgica, con la sua contrapposizione fra le due geometrie del cerchio e del quadrato, rappresenta la plasmazione della vita terrestre con quella spirituale. Il Rosone si trova sollevato da terra sulla parete est dell’Aula Liturgica, collocato appena sotto le travi arcate in doppia curvatura della copertura,  impiantato al centro della malleabile parete a forma d’occhio.  La scelta tematica artistica del Rosone è stata focalizzata sulla volta celeste della Santissima Trinità che pone uno sguardo indulgente su chi entra ed esce