Il transetto e la crocefissione

La Crocifissione è di Pietro Baschenis, affrescato tra il 1623 e il 1627. L’affresco di mezzo rappresenta la Crocifissione, ornato e chiuso da cimasa a chiaroscuro con, in alto, un pellicano nel tondo di mezzo. Sul lato sinistro. Nello scom18parto centrale Maria, ritta a sinistra della croce, volge al cielo gli occhi pieni di dolore. S. Maria Maddalena sta inginocchiata, mentre una folla di guerrieri a cavallo con lance e gonfaloni riempie tutto lo spazio fra le tre croci.

Il cattivo ladrone, a destra, si contorce negli spasmi dell’agonia, l’altro, con volto composto e dolce calma, si rassegna alla medesima sofferenza di Gesù. Tra tutti e sopra tutto domina maestosa la figura di Gesù. Con il suo sguardo sembra avvolgere anche noi, e dall’alto attirarci perché da quell’altezza possiamo conoscere il nostro cuore e il mondo. E’ facile osservare la delicata sensibilità dei toni e la trasparenza del colore.