.

Evangelizzare educando e  Educare narrando
Patto educativo

Evangelizzare educando e Educare narrando

Image

«Abbiamo bisogno di una narrazione umana, che ci parli di noi e del bello che ci abita». Queste parole sono tratte dal bellissimo discorso di papa Francesco per la 54ma Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali dedicato al tema della narrazione, che ha ispirato il processo di trasformazione e di rinnovamento della missione di raccontare della nostra Congregazione della Sacra Famiglia e che ispirerà anche questa nostra rubrica mensile sull’educazione a partire dall’osservatorio speciale del Dicastero per la Cultura e l’Educazione della Santa Sede.

Tutti conosciamo la grande attenzione del papa al tema dell’educazione della quale ha parlato circa duecento volte nel suo decennale magistero pontificio. «L’uomo -continua il papa- è un essere narrante perché è un essere in divenire, che si scopre e si arricchisce nelle trame dei suoi giorni». Il racconto però, per essere educativo, dev’essere un racconto buono. Un buon educatore, sembra dirci il Santo Padre, è un raccontatore di storie buone. E lui, Francesco, si è mostrato un buon educatore raccontando storie esemplari.

Nello stesso discorso di cui sopra, ci dice che “ri-cordare” significa portare al cuore, “scrivere” sul cuore, e cita esempi mirabili di “racconti di sé” (autobiografie) che hanno educato generazioni intere, come le Confessioni di Agostino, il Racconto del Pellegrino di Ignazio di Loyola, la Storia di un’anima di Teresina di Gesù Bambino.

Anche nella pedagogia in questi ultimi decenni si è fatta strada, soprattutto nel campo dell’educazione degli adulti, la metodologia del racconto autobiografico come strumento per riflettere su di sé, per raccontare la propria storia, per auto-educarsi e per educare. Il nuovo motto educativo sembra suggerirci il Papa è «EVANGELIZZARE EDUCANDO E EDUCARE NARRANDO»: «Ciascuno di noi conosce diverse storie che profumano di Vangelo, che hanno testimoniato l’Amore che trasforma la vita. Queste storie reclamano di essere condivise, raccontate, fatte vivere in ogni tempo, con ogni linguaggio, con ogni mezzo» (idem).

Nell’anno da poco concluso, in varie occasioni il Santo Padre ha parlato del grande progetto del PATTO EDUCATIVO GLOBALE e come buon educatore ha evangelizzato e educato narrando storie buone, parlando di figure esemplari. L’eroe mitologico Enea che in fuga dalla sua città di Troia in fiamme ha voluto salvare il suo vecchio padre Anchise caricandolo sulle spalle e il suo figlioletto Ascanio prendendolo per mano, ci insegna che il buon educatore (come Enea) è quello che sa conservare il passato (il padre Anchise), e nello stesso tempo ha lo sguardo rivolto al futuro (il figlio Ascanio). (Discorso ai partecipanti al Congresso Internazionale sul Global Compact on Education, 1-6-2022). L’eroina Europa, la fanciulla dagli occhi grandi, che ha fatto innamorare di sé gli dèi, è occasione per invitare i giovani europei ad avere occhi grandi, che sanno guardare oltre i limiti ristretti della piccola Europa (Messaggio ai partecipanti alla “EU Youth European Conference” di Praga, luglio 2022).

Il beato Franz Jägerstätter, ucciso per non avere voluto giurare fedeltà a Hitler, è esempio per educare alla fedeltà ai propri ideali e all’obiezione di coscienza (idem). Sant’Orsola, donna di straordinaria bellezza e di carattere forte, è un esempio di educazione alla bellezza e all’agire con fermezza di fronte alle avversità (Messaggio ai partecipanti a “Ursuline Global Education Compact”, 30-9-2022). San Giovanni XXIII e Martin Luther King sono narrati come modelli per educare alla pace e per sognare sempre in grande: “I have a dream” (Incontro con gli studenti della rete “Scuole per la Pace”, 28-11-2022).

Guardando a questi protagonisti impariamo anche noi a raccontare la nostra storia per auto-educarci e per educare “Sì, perché nessuno è una comparsa nella scena del mondo e la storia di ognuno è aperta a un possibile cambiamento” (Discorso per la 54ma G.M. della Comunicazione).

E come ci ricorda il nostro papa educatore-narratore, l’educazione sarà il motore con il quale noi cambieremo il mondo.

Autore

  • p. Ezio Lorenzo Bono 

    Segretariato per il Patto Educativo Globale

Data

  • 22/01/2023

Rubrica

  • Patto educativo

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Image
Congregazione dei Religiosi della Sacra Famiglia

Links

© 2023 Congregazione Sacra Famiglia. All Rights Reserved